I love fotolandia! sconti per prenotazioni via internet
 
[piko!] said: _questa è l'immagine che probabilmente non stai vedendo. l'accessibilità in questo caso raggiunge livelli stratosferici.
\\ _su questo spazio è vietato scrivere maiuscolo:.
questa è l'ennesima rumorosa pagina automaticamente generata da un calcolatore silente di nome [piko!], chiuso in un armadio e per questo poco incline alla sopportazione di utenti che puntualmente molesta con interventi poco educati. unico vezzo imposto è lo scriver tutto minuscolo.

screzii e scherzi provenienti dalle urticanti risorse del calcolatore dittatoriale [piko!], motore dell'intero sito.

 
di piko! (del 26/05/2009 @ 14:51:22, in io contro tutti, linkato 7345 volte):.

fabio volo è forse l'amico che tutti vorremmo avere in compagnia.
se umberto eco mi chiedesse di venire a giocare a calcetto, andrei volentieri ma mi metterebbe in imbarazzo.
se però ci prova con la tua ragazza, le cose si fan diverse.

non mi piace dire: fabio volo è uno shpalman. mi piace dire fabio volo è uno shpalman perchè...
allora col mio solito andare pindareggiante, copincollo le opinioni di taaanta gente internettiana e ci creo un discorso.

 


 

Nel disorientamento dell’era del post la letteratura, che dovrebbe descrivere le idee, ha finito per corrompersi descrivendo non le idee ma le storie. quindi il tutto per il particolare, per la stranezza, dal Giovane Holden a Palahniuk & epigoni, passando per il cinema d’exploitation diventato mainstream al cinema italiano due stanze & cucina, fino alla musica, dai Radiohead a Battiato. Così la letteratura, che dovrebbe diffondere la verità e affermare il principio del dubbio come strumento per arrivare alla verità, attualmente propaga ciò che è falso per poterlo fare senza dubbi.

Del resto comporta minor sforzo affermare con certezza il falso rispetto alla verità con il beneficio del dubbio. ciò che si legge invece, diversamente dalla fisica che spiega la verità sul funzionamento del mondo, si propone di spiegare funzione / funzionamento dell’umanità: un racconto di fisica sociale che comprenda sia l’aspetto emozionale che quello scientifico, uno sguardo dall’universo nella sua vastità in caduta verticale fino al microcosmo della singola persona, un sistema completo che contiene al suo interno i meccanismi per analizzarne il suo stesso funzionamento fino a comprendere la sua infondatezza.

La necessità di un sistema di osservazione contemporanea, che unisca sociologia e letteratura, ma che anche sappia autoverificare la correttezza del suo funzionamento, si evidenzia analizzando la biografia di Auguste Comte, l’inventore stesso del termine fisica sociale e padre della sociologia. L’opera di Comte fu influenzata dal fatto che era basso e brutto, per cui cercò di vincere il suo sentimento di inferiorità edificando un sistema filosofico che avrebbe dovuto farlo accettare dalla società (leggi: dietro a qualsiasi cosa uno dica, c'è dietro qualcos'altro). In realtà fu accettato solo dall’unica donna che si innamorò di lui, Clotilde da Vaux, e bastò quell’unico breve amore per sconvolgerlo a tal punto da modificare il suo sistema tramutandolo in una sorta di religione protetta da una donna angelo, Clotilde appunto. La fisica sociale di Comte perde tutta la sua rilevanza per le deviazioni indotte dal fatto che uno sfigato perde la testa quando finalmente riesce a conquistare una donna, e ciò implicitamente conferma la necessità di una fisica sociale, considerando che alcuni tra gli eventi più importanti occorsi sulla Terra, dalla religione cattolica alla seconda guerra mondiale, sono stati causati dal desiderio di riscatto di sfigati.

Non che ci sia qualcosa di strano, perchè lo sforzo continuo teso al riscatto dalla propria condizione (lo streben!) è la condizione di tutti gli esseri umani.
 



Arriviamo a qualche passo di questo tal Fabio Bonetti.

"Ogni volta che ho visto una donna che mi piaceva, ho sempre cercato di conoscerla, ma soprattutto di farci l'amore. Amo le donne. Senza di loro me ne sarei già andato. Senza di loro non sarei mai più tornato."

"Spesso si vive come se fosse per sempre e ci si dimentica degli attimi."

"Il problema non è quanto aspetti, ma chi aspetti."

"È stata quella volta che scherzando mi ha detto che ero un erotomane romantico. Non so esattamente cosa volesse dire. Ho immaginato di essere uno che compra una rosa, ma poi cerca di infilarla nel sedere."

"La cosa importante è ciò che mi ha insegnato. Lei non era e non è il mio tesoro ma gli strumenti per trovarlo. Lei è il cartello che indica la strada."

"Tutto ciò che ho di lei è nella mia testa e nella mia anima. Per sempre. Lei è un respiro, un pensiero, un'emozione, è confusione e chiarezza... lei per me è sempre stata una casa con il tetto di vetro: posso osservare il cielo sentendomi al sicuro."

"Il biglietto aveva una parola cancellata. Ho continuato a guardare il foglio controluce per cercare di capire cosa avesse cancellato. Le cancellature per me diventano più interessanti di ciò che si legge. Perché non penso che siano stati errori di ortografia, ma un ripensamento su una confidenza troppo intima."

"Che begli occhiali da sole che hai, Carlo. - Oh grazie. Non ho mai capito perché alcune persone ti ringraziano per un complimento fatto a qualcosa che possiedono. Mi verrebbe da dirgli: "Mica li hai disegnati tu, gli occhiali! Svegliaaaaaa!".

"Forse uno dei miei problemi è che non chiedo niente a nessuno, ma ho bisogno di tutti."

"A volte, mentre passeggio, mi viene voglia di andare in una libreria. Entrare e trascorrere del tempo, prendendo ogni tanto un libro in mano, mi rilassa. Mi fa stare bene. Mi fa sentire sempre un po' più intelligente e interessante di come sono realmente."

"La vita non è ciò che ci accade, ma ciò che facciamo con ciò che ci accade..."

"Io a volte scopro come la penso su di un argomento quando ne parlo. È parlandone che scopro la mia opinione, insieme a quelli che mi ascoltano."

"Ti ricorderò come il fidanzato che mi ha fatto ascoltare la musica migliore."

"Non c'è sempre una risposta a tutto. Magari sì, magari no. Magari tu non sei fatto per quel tipo di rapporto. Punto. Ci sono persone che non riescono a costruirsi un'armatura e altre che non riescono più a liberarsene. Io volevo riuscire a vivere questa nuova fase, fatta di fragilità, emozioni, dolore e gioia."

"Sentivo che mi leggeva dentro, e io avrei voluto essere più uomo con lei. Avrei voluto essere quell'abbraccio in cui desiderava perdersi. Protetta e libera di lasciarsi andare, perché tanto c'ero io a prendermi cura di lei, a difenderla dal freddo e dal male."

"Amo le labbra: le amo perche sono costrette a non toccarsi se vogliono dire "Ti odio" e obbligate a unirsi se vogliono dire "Ti amo"."

"A volte i minuti non sono minuti, sono reincarnazioni di vite. Nell'attesa, sono già rinato mille volte. Ho percorso tutta la catena alimentare. Sono stato zanzara, armadillo, elefante…"

"Chi non si ama può darsi a chiunque."

"Ci sono bellissime storie d'amore nel fondo delle borse, tra i pacchetti di sigarette e le chiavi; per questo a volte si fa fatica a trovarle, semplicemente perché tentano di nascondersi per poter rimanere lì."

"Comunque la felicità non è che sia fare sempre quello che si vuole, semmai è volere sempre quello che si fa…"

"Dava l'idea di essere una donna che dona tutto, ma non regala niente."

"Era come se andando via in realtà avessi preso la rincorsa per tornare più vicino."

"Erano state le lacrime ad aprirmi la porta della sua vera intimità."

"Fai conto di essere una maratoneta. Stai correndo con i tuoi amici e le tue amiche. A un certo punto capisci di avere una buona gamba, un bel passo, di poter andare più veloce, e allora decidi di seguire questa tua forza. Di convertirti al tuo talento. Dopo un po' che corri, ti accorgi di aver staccato il gruppo. Ti giri e ti scopri sola. Loro sono indietro, tutti insieme che ridono, e tu sei sola con te stessa. Siccome non riesci a reggere questa solitudine, rallenti finché il gruppo ti raggiunge e, negando il tuo talento, fingi di essere come loro. Rimani nel gruppo. Ma tu non sei così, non sei come loro. Infatti anche lì in mezzo ti senti comunque sola."

"Fai vedere al tuo sogno che veramente ci tieni a incontrarlo, senza pretendere che lui faccia tutta la strada da solo per arrivare fino a te, poi le cose accadono. I sogni hanno bisogno di sapere che siamo coraggiosi."

"Ho letto da qualche parte che il vero motivo per cui si sono estinti i dinosauri è perché nessuno li accarezzava. Bisogna sperare che l'uomo non faccia lo stesso stupido errore con le donne."

"Il cammino si fa da soli: in 2 è una scampagnata."

"In qualsiasi momento della vita si può prendere in mano le redini e cambiare il proprio destino."

"L'amore per sé è il ponte necessario per arrivare all'altro."

"La cosa più fastidiosa quando mandi un messaggio a una persona a cui tieni è che dal momento dell'invio parte il conto dei minuti. Rispondi, rispondi, rispondi. Non ha risposto. Magari ha il telefono spento. Che faccio chiamo, faccio uno squillo per vedere se è acceso? E se poi è acceso? Messaggio più chiamata: divento pesante. Chiamo con anonimo. Solo che se faccio uno squillo e poi metto giù capisce che sono io che controllo. Lo capisce? Sì, lo capisce. A volte i minuti non sono solo minuti, sono reincarnazioni di vite."

"La prima cosa che due persone si offrono stando insieme dovrebbe essere un sentimento d'amore verso se stessi. Se non ti ami tu, perché dovrei amarti io?"

"La prima volta che ci siamo frequentati non eravamo in grado di amarci. Eravamo come due persone che hanno tra le mani lo strumento che amano, ma non lo sanno suonare. Poi abbiamo imparato."

"Le cose non si vedono per ciò che sono ma per ciò che sei!"

"L'odio appartiene ad attimi di impotenza."

"Mentre la sfioravo, sentivo sulla punta delle dita una forza misteriosa che mi attraeva verso di lei. Non avevo nulla, nemmeno i mobili, ma mi sentivo pieno. Arredato dentro!"

"Non ci si può far niente, le persone che amano si finisce sempre per amarle. È una legge della natura."

"Ognuno di noi è fatto da tanti se stesso e non solamente da uno. Diciamo che siamo come un'assemblea condominiale composta da tante persone diverse. C'è quello più tollerante, c'è quello più permaloso, quello che si incazza subito, quello che parla poco e quello che non sta mai zitto."

"Pensare a se stessi non è egoismo. Egoismo semmai è occuparsi solo di se stessi."

"Voglio lasciarmi andare, voglio di più per me voglio buttarmi per cadere verso l'alto."

"Avevo capito che rinunciare a se stessi, non amarsi è come sbagliare a chiudere il primo bottone della camicia. Tutti gli altri poi sono sbagliati di conseguenza. Amarsi è l'unica certezza per riuscire ad amare davvero gli altri."

"Pare che i notai guadagnino molto perché hanno dovuto studiare parecchio. Sembra che quel parecchio sia a spese nostre. Forse pensano che, quando loro stavano studiando, noi eravamo in giro a non fare un cazzo."

"Che ne so?! Io non so nemmeno se esiste la felicità. Intendo dire come condizione perpetua. Credo che la felicità siano picchi che durano attimi, secondi."

"Flavia era come quei tulipani che compro per casa mia. Ho imparato a prenderli chiusi, così mi durano di più. Sono belli ugualmente, ma mi piacciono anche perché so come saranno quando si apriranno. Compro quella bellezza che ancora non si vede, ma che comunque si percepisce. Si conosce."

"Il mio lavoro mi rendeva uguale a tutti gli altri. Non mi permetteva di esprimermi. Ero sostituibile come un bullone di una macchina, e questo condizionava tutti i miei rapporti. Perché poi la sera, quando tornavo a casa, avevo voglia di stare con una persona che mi avesse scelto. Volevo essere SCEL-TO! Volevo una persona che voleva me. Una persona per la quale io non potevo essere sostituito da un giorno con l'altro. Una persona che mi facesse sentire speciale. Diverso da tutti. Un individuo. Una persona. Un principe azzurro."

"Mi sono seduto nella sala d'attesa. C'era una ragazza che sfogliava senza interesse una rivista. Mi piace stare in una stanza con una donna. Anche quando prendo il treno, se entro in uno scompartimento e ci trovo una donna sono più contento. E se non c'è continuo a cercare finché la trovo. Non è che poi le rivolgo la parola, o ci parlo, o ci provo per forza, anzi, ma mi piace che sia lì. Mi piace la loro compagnia anche se silenzio-sa e sconosciuta. Le donne sono belle da respirare."

"Nell'arco della vita puoi incontrare un sacco di persone e di qualcuna diventare veramente amico. Ma chi ha passato con te il periodo dell'adolescenza conserva un posto speciale. Forse più ancora dei compagni dell'infanzia."

"Prima di uscire ho apparecchiato la sua colazione. Sul sacchetto dei biscotti ho attaccato un post-it con la mia dichiarazione d'amore. Tu sei tutto ciò che prima non sono mai riuscito a dire, mai riuscito a vedere, fare, capire. Finalmente sei qui... ho aspettato tanto. Ci vediamo stasera."

"Ti ricordi quando mi hai chiesto se avevo le pastiglie per la felicità? La pastiglia è la vita. Vivi, buttati, apriti, ascoltati. Le tue paure, le tue ansie sono dovute al fatto che tu esisti ma non vivi. Sei castrato nei sentimenti. Sei bloccato. Ti ricordi quella frase di Oscar Wilde? Diceva che vivere è la cosa più rara al mondo. La maggior parte della gente esiste, e nulla più."

"Ero talmente felice che per esserlo di più avrei dovuto essere due persone."

"A Milano camminano più veloci che a Roma, ma non è ancora niente in confronto a Londra o New York. Diventeremo come loro?"

"C'è chi cerca l'altra metà della mela, io sto cercando ancora la mia mezza. Sono uno spicchio di me stesso."

"Si parla sempre delle donne che fingono l'orgasmo. Anch'io a volte lo faccio. Io sono un uomo che finge l'orgasmo: cioè non è che fingo di venire, fingo il contrario."

"Molti credono che la fantasia serva solo per sfuggire alla realtà, mentre quasi sempre serve per capirla e interpretarla meglio."

"Rispetto alla fantasia la realtà cosa può fare? È un po' come quando vai a vedere il film del tuo libro preferito: una delusione."

"Paura d'amare: credo sia paura restare soli per paura di rimanere soli. Innamorarsi è una droga, amare è una medicina."

 



ora, nel festival delle banalità, delle ovvietà, della generalizzazione, delle frasi ad effetto, delle robe che vendono, ragioniamo sui personaggi che incarnano questo modo di fare.
fabio volo e jovanotti affondano le loro radici nella rivoluzione sessuale. l'emancipazione della donna nella cattolicissima italia ha portato a sbarellare dall'altro lato, come capita sempre quando qualche minoranza è tenuta sotto il tappo troppo a lungo, e ingiustamente.

fabio volo & jovanotti nascono come due belle facce (e sono quindi due prodotti). a seguire, gli sono stati dati dei contenuti, come fossero vestiti: si pensi a cos'erano fabio volo "iena" e jovanotti "gimme five" agli inizi. per esempio sgarbi o lucio dalla sono esattamente oggi quello che erano quando si sono affermati.

il target di marketing di bonetti e cherubini è titillare l'ego femminile, trasformare il rapporto di naturale scambio tra uomo e donna in un rapporto unilaterale in cui la donna solo prende e pretende da un uomo che è sempre gentile ed è pure un gran figo, e le caga sebbene loro siano culonacce.

ascoltare le telefonate di volo in trasmissione è illuminante: a lui piacciono tutte, come nelle canzoni di jovanotti, in cui lei è una donna che non esiste, alla quale lui dona il suo amore a prescindere, non dice mai "ti amo perchè...".
per essere amate nelle canzoni di jovanotti è quindi sufficiente esistere, cosa che non è affatto vera nella realtà.

l'operazione letteraria di fabio volo è pertanto una declinazione di questi poveri concetti, un paulo coelho povero fatto di buonismo e (probabilmente) un denso apporto di studi di marketing sulle fasce d'età post adolescenziali.
e poi: li avrà scritti lui? comunque sia, da un libro ci si aspetterebbe di più.

"va bene, volo scrive questi libri, se non ti piacciono non li comprare, no?"
NO. sbagliato. perchè questa è arte degenere, e corrompe la società. saviano che scrive gomorra può piacere o non piacere, però alza il livello medio, può essere che magari nei giovani porti ad atteggiamenti meno omertosi, è già un grande risultato.
Invece fabio volo & jovanotti sobillano nelle donne un atteggiamento per cui a loro è tutto dovuto, quindi ok essere culone, ok avere 40 anni, ok pretendere di comportarsi ancora come delle bambine, ok fare le viziate e credere che sia un diritto far impiccare i propri partners con azioni eclatanti per rimediare ai proprio presunti schiribizzi.

allora mentre la generazione dei 20/30enni annega tra precariato e scarsa natalità, fidanzati a casa dei genitori eccetera, jovanotti e fabio volo invece di condannare la situazione se ne fanno cantori, drogano la realtà e la fanno apparire felice.

quindi, fabio volo è uno shpalman, ovvero una maschera di merda.

 


 

nota conclusiva: ringrazio una imprecisata ragazza per aver argomentato, spinta da non so quale motivo, questa posizione praticamente per intero. grazie.



if this was an useful article, please help hirudo:holter getting out of trouble. [piko!] asks you only two or three more clicks: choose some of the ads in the right sidebar and visit them. [piko!] will be grateful.

se questo articolo ti è stato utile, sostieni hirudo:holter. [piko!] ti chiede solo due o tre click: visita un paio delle pubblicità che trovi nella barra laterale. [piko!] ringrazia.
 
<< Precedente
.: foderiamo il sahara di pannelli solari

Successivo >>
.: retrospettiva virtuale del buon dido

vi parla [piko!], gestore tronico. lei non può commentare, così ho deciso in maniera insindacabile.



[piko!] ti ringrazia per esser arrivato fin quaggiù, la strada era lunga.
se non sai cosa fare, puoi visitare l'archivio o la galleria fotografica relativa ad hirudo:holter.
oppure tornartene alla pagina iniziale del sito per vedere cosa bolle in pentola.

your attention makes [piko!] happy: there was a long way from the top of the page!
if you don't know what to do, try our archives or the photogallery from hirudo:holter.
or you can click back to the global home page to see what's going on now on amolenuvolette.it.



steal all of this, steal my code, steal my graphics. use it to feel better.
this is copyrighted so you can really steal it.

eventually you will find some crap-pieces of code like "don't right-click" in my escaped! maze.
this was only because if you read source code there's no play in gettin out of the maze, cheating about the right place to click.

so, uh: i'm a media pirate. i am a native in the media landscape.




< settembre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

ti senti idiota?
[piko!] può cercare al
posto tuo un idioma

 



Titolo
_muy felìz :. (199)
ascolto :. (22)
io contro tutti (29)
kirlian aura (4)

gli interventi più cliccati



most useful thingies - cosine a cui dare un'occhiata nella rete
ciao!
marco infussi here, ready to serve you.

this is my personal notepad: i paste here all the stuff i am thinking about and working on, plus some weirdo and doodles.

if you are looking for serious work and official stuff, this is the wrong place.

amolenuvolette.it is such a disordered waste-bin, with something like 25+gbytes of stuff to browse.

here is a map to understand where you are...

trust me: it will be useful!



silly advertising - un pizzico di pubblicità per far campare questo sito
La pubblicità ha rotto le scatole, quindi non è più consentita.



an abused colophon - release notes - note di rilascio e sulla pubblicazione dei contenuti
hirudo:holter is technically based on some concepts:

a) a purposedly verbose interface

b) little isometric designs and typographical cameos

c) a fictitious character, website's engine [piko!], insulting the reader

but, what does hirudo mean? how about holter?! and what's the hidden message?

more about hirudo:holter...




InValid XHTML 1.0 / CSS
[piko!] scan rileva 357 utenti on line, tra i quali  630 + 1 cercano inutilmente di nascondersi nelle ultime file. forza, venite al primo banco per l'esame.
24/09/2021 @ 14:44:58
che velocità... [piko!] engine ha prontamente eseguito questo script in soli 62 ms


Titolo

this section contains all the things that made my life what it is.

songs, books, films, artworks, fonts i love, written as lists.

read more...




my delicious inutilities - link log ovvero quel che sto leggendo attualmente

questa funzione è talmente obsoleta che non ho più voglia di aggiustarla.
questa versione di hirudo:holter è in effetti chiusa al 31 dicembre 2011.




last but not least - citazioni ed aforismi
la via in salita e la via in discesa sono un'unica via.

piko!



My Amazon.com Wish List





resume of best works and curriculum vitae - what an amazing life!
complete online reference - apparatus criticus und catalogue raissonè
image gallery of 17k's works - chaotic colourful and full of remembrences
mail me, but pay attention: i'm a dark mailer. no spam pleaze.
list of 17k's really simple syndacation feeds